mercoledì 29 aprile 2015

Ganoderma Lucidum come protettivo del fegato

Può il Ganoderma lucidum proteggere il nostro fegato?

Nel fegato risiede gran parte del sangue circolante nel corpo. Questo organo opera la dintossicazione del sangue dalle sostanze tossiche, come i farmaci e sostanze inquinanti che possiamo ingerire con il cibo. Ma quando il fegato è sovraccarico non riesce più a compiere le sue funzioni in modo efficace e si può ammalare. In questo articolo andremo a vedere se e come ilganoderma lucidum ci può aiutare a disintossicare il nostro fegato.

Dal momento che il nostro fegato manca di nervi, i danni allo stadio iniziale possono non essere percepiti. Ad oggi, l'epatite virale rimane incurabile e può essere controllata solo con i farmaci tradizionali come silimarina (estratto di cardo mariano), quello più comunemente usato.
 Proteggere il fegato, piuttosto che aspettare di trattare i disturbi del fegato quando si presentano, può essere il modo migliore di procedere dal momento che è quasi impossibile evitare il contatto con le sostanze tossiche che possono danneggiare il fegato.

Una volta che le cellule epatiche sono danneggiate, rilasceranno enzimi GPT (ALT) e GOT (AST). Maggiore è il danno, maggiore i valori di questi indici di funzionalità epatica. Il GPT è un indice più rappresentativo per la sua specificità sul fegato. Il GOT è presente anche nel cuore, reni, cervello e muscolo scheletrico.
Più di 30 studi scientifici sono stati pubblicati sull'utilizzo di ganoderma lucidum o Reishi nellaprotezione del fegato.

I risultati del test mostrano che le cavie trattate con prodotti a base di Ganoderma lucidum  hanno avuto una diminuzione significativa dei valori di GPT e GOT dopo 3 settimane. Nel modello di sperimentazione animale per abbassare le GPT  e  i valori GOT, l'estratto di Ganoderma lucidum ha l'effetto di alleviare i disturbi legati al fegato .
Quando il fegato è danneggiato, attiva la funzione di rigenerazione delle cellule del fegato. L'esperimento ha scoperto che le cavie con un dosaggio maggiore del Reishi avevano livelli più elevati di proteine ​​nel fegato. In altre parole , il Ganoderma lucidum può aumentare la quantità di proteine nel fegato, ossia aumentare la rigenerazione delle cellule del fegato.

ganoderma lucidum
Lo studio ha anche concluso che, sebbene la  silimarina sia considerata un efficace trattamento per l' epatite, ha dimostrato un effetto minore sulla riduzione della fibrosi rispetto al ganoderma lucidum. L'incremento della dose di silimarina potrebbe fornire risultati migliori ma  maggiori possibilità di effetti collaterali .
Questo studio è stato pubblicato sul The American Journal of Chinese Medicine nel 2004.
In un altro studio, del 2000, di Bi- Lin Fong e Miao-Ling Chen della National Taiwan University,  i risultati indicano che il reishi  ha capacità anti-ossidante sul  fegato.

Studio sugli effetti del Ganoderma lucidum sul Fegato umano

Nel 2005 , il Prof. Jin-Kun Wang Chung Shan della Medical University ha condotto uno studio clinico su 40 volontari sani utilizzando  estratti del corpo fruttifero di reishi per oltre 3-6 mesi. I risultati sono stati:

  •     L'estratto riduce gli indici dei valori del fegato
  •     Più si utilizza l'estratto, più il valore di GPT epatica scende 


Sembra quindi che il Ganoderma lucidum possa offrire una protezione del fegato perché aiuta a proteggere il fegato da danni riducendo sintomi legati al fegato e in caso di danno epatico, il reishi  favorisce la riproduzione delle cellule del fegato.

acquista prodotti al ganoderma lucidum su: www.fungoganoderma.dxneurope.eu