lunedì 20 aprile 2015

Ecco come il ganoderma lucidum cura il diabete

E' la scienza che parla. E' la scienza che dà delle risposte. E' la scienza che apporta prove inconfutabili. E' la stessa scienza a cui quotidianamente ci affidiamo per la cura del nostro corpo, che ci evidenzia un cammino sconosciuto ai più ma di fondamentale importanza. Ganoderma Lucidum e diabete è un connubbio oscuro alla massa,ma non alla scienza.
Perchè la scienza dà delle risposte.Perchè la scienza sta indicando una nuova possibilità al malato di diabete. E allora perchè negarsi questa possibilità?

Il diabete è un’alterazione metabolica conseguente ad un calo di attività dell’insulina che arriva dal pancreas, caratterizzata da un livello alto di glucosio nel sangue. In particolare, il diabete può essere dovuto ad una ridotta disponibilità di questo ormone, ad un impedimento alla sua normale azione oppure ad una combinazione di questi due fattori. Ovviamente se non si è in sovrapeso l’autocontrollo del diabete è più facile, addirittura si possono anche diminuire dicerse pastiglie cure per quanto riguarda il diabete.
La causa del diabete può essere ereditaria implicata anche da fattori ambietali, oppure può essere causata con l’obesità,una vita sedentaria, dieta ricca di carboidrati e zuccheri, livelli alti di colosterolo e trigliceridi nel sangue. I sintomi del diabete si manifestano in modo molto evidente come: perdita di peso, aumento dell’urina giornaliera e necessita di urina, stanchezza, visione offuscata, senso di molta sete, in casi gravi i sintomi sono svenimenti e tremori.
Inoltre se non curata possono esserci anche delle complicazioni come: disfunzioni renali,ictus,ipertensioni e Lesioni cutanee agli arti inferiori.
-Retinopatia Diabetica: è un danno ai vasi sanguigni che irritano la retina, le persone che soffrono di diabete hanno maggiore probabilità di avere problemi con cataratta e glaucomi
-Nefropatia Diabetica: si tratta di una riduzione della funzione del filtro del rene, che se non trattata può condurre alla dialisi, all’insufficienza renale oppure in casi gravi al trapianto del rene
-Malattie Cardiovascolari: il rischio di malattie cardiovascolari è da 2 a 4 volte più alto nelle persone con diabete causando, nei paesi industrializzati, oltre il 50% delle morti per diabete, induce a considerare il rischio cardiovascolare nel paziente diabetico ed è pari ad un paziente con un evento cardiovascolare
-Neuroatia Diabetica: è la complicazione più frequente, e si manifesta al 50% dei diabetici; può presentare perdita di sensibilità, impotenza maschile, dolore di intensità diversa e danni agli arti a volte nei casi gravi anche l’amputazione, può comportare disfunsione al cuore e agli occhi
-Piede Diabetico: le modifiche dei vasi sanguigni e dei nervi portano a volte l’amputazione agli arti inferiori, soprattutto del piede perchè porta tutto il carico del corpo, questo può comportare l’amputazione degli arti inferiori di solito non traumatica
-Complicanze in Gravidanza: nelle donne in gravidanza il diabete può portare conseguenze molto gravi come la malformazione, l’elevato peso del neonato, fino a un rischio di mortalità del feto.
Un rimedio naturale è il Ganoderma Lucidum, il suo scopo è quello di curare diverse malattie grazie alle sue proprietà benefiche, utilizzabile come sostituto di insulina e riconquistare la funzionalità del pancreas, aiuta anche chi è affetto da malattie renali. Le sue proprietà sono conosciute da moltissimi anni soprattutto nei paesi Asiatici, inoltre il Ganoderma Lucidum è un’adattogeno ciò significa che aiuta il corpo a sollecitazioni diverse come appunto il diabete, rinforza le difese immunitarie, è in questo modo che il Ganoderma Lucidum non solo aiuta a controllare, combattimento e su alcuni diabete di livello di cura, ma aiuta anche a migliorare la salute generale della persona l’ingestione.

IL GANODERMA LUCIDUM E IL DIABETE: I RISULTATI DEGLI STUDI EFFETTUATI IN GIAPPONE

Qualche anno fa furono condotte in Giappone una serie di ricerche che fecero luce sulla possibilità di controllare l'iperglicemia nei pazienti diabetici. Tanto che il professor Hiroshi Hikino e un gruppo di ricercatori della Facoltà di Farmacia dell'Università di Tohoke, riuscirono a separare due polisaccaridi,sconosciuti fino a quel momento, chiamati Ganoderma A e B. Successivamente effettuarono un esperimento,col fine di provare gli effetti del Ganoderma A e B in un gruppo di topi con elevati livelli di glucosio. In primo lugo venne somministrato al gruppo sperimentale una dose di Ganoderma Lucidum. Trascorse sette ore, si attestò che il livello di glucosio di ogni topo era sceso del 70%. Questi risultati provano che la combinazione di entrambe le sostanze riduce notevolmente l'iperglicemia.
I ricercatori Shigeru Arichi e Teruaki Hayashi,del suddetto istituto di Kinki, realizzarono uno studio sul Ganoderma Lucidum nel trattamento di pazienti diabetici in età avanzata (in alcuni casi si arrivò a sopprimere il trattamento d'insulina). Nei primi mesi si attestò che gli indici di glucosio subivano delle piccole fluttuazioni.Durante il trattamento, alcuni dei sintomi più frequenti tra quelli trattati diminuirono e si evidenziarono significativi miglioramenti nella condizione generale. Dopo un anno,un'altra percentuale di pazienti raggiunse la normalizzazione dei livelli di glucosio.
Si crede che il Ganoderma Lucidum agisca in maniera simile all'insulina,inibendo la formazione del glucosio e facilitando il suo ingresso nelle cellule. D'altra parte, si è constatato che l'azione svolta dal Ganoderma Lucidum sul sistema immunitario, giova anche alla salute dei pazienti oggetti da diabete mellito di tipo I.
Concludendo,diremo che bevendo il Ganoderma Lucidum si otterranno i seguenti risultati:
Agendo in modo simile all'insulina,il Ganoderma inibisce la sintesi del glucosio e facilita ik suo ingresso nelle cellule.
Riduce i livelli di glucosio nel sangue.
Diminuisce i sintomi dei diabetici.
Migliora la risposta autoimmune nel caso di Diabete Mellito Tipo I.
Previene il diabete e evita le sue complicazioni
Promuove il metabolismo efficente del glucosio nell'intestino. 
IL GANODERMA LUCIDUM E IL DIABETE: I RISULTATI DEGLI STUDI EFFETTUATI IN CINA
Un articolo di Eric Lochridge del 2011 descrive i risultati dello studio cinese sugli effetti del Ganoderma Lucidum applicato nella cura del diabete. 
Il Ganoderma Lucidum, conosciuto anche col nome "Reishi", è un fungo utilizzato nella medicina orientale da più di 4000 anni.Il corpo fruttifero di questo fungo viene usata in medicina grazie alle sue proprietà curative.In particolar modo, la ricerca ha dimostrato che il Ganoderma lucidum possiede proprietà ipoglicemizzanti, secondo Drugs.com. Numerosi esperimenti condotti su cavie da laboratorio hanno evidenziato come il ganoderma promuove la secrezione di insulina. Inoltre uno studio clinico su pazienti affetti da diabete di tipo 2 ha evidenziato che la somministrazione di 1800 mg di Ganoderma Lucidum per tre volte al giorno riduce i valori glicemici post-prandiali. Ma non solo: i glucani Ganoderma A e B hanno inibito l'ipoglicemia negli studi clinici. 
Uno studio del 2007 condotto da X. Zhou, professore di biotecnologia vegetale presso l'Università Fudan in Cina, e da alcuni suoi colleghi segnalò che il Ganoderma lucidum potrebbe abbassare la glicemia aumentando la produzione di insulina nel pancreas. I risultati di questo esperimento, pubblicato sul "The American Journal of Chinese Medicine", hanno inoltre stabilito che Ganoderma lucidum presenta proprietà antiossidanti e può migliorare la resistenza all'insulina nei pazienti con diabete di tipo 2. La resistenza all'insulina è una condizione medica in cui il corpo non può usare correttamente l'insulina prodotta dal pancreas.
Non finisce qua,il dossier è in divenire cari lettori,ci sono oltre 2400 studi sul ganoderma e il diabete.Selezioneremo il materiale più importante e ve lo metteremo a disposizione.
Dossier scritto e tradotto da A. C. per Free Italy.

acquista prodotti al ganoderma lucidum su: www.fungoganoderma.dxneurope.eu